archivio notizie - ::: CITTA' DI ALBANO SANT'ALESSANDRO (BG) :::

archivio notizie - ::: CITTA' DI ALBANO SANT'ALESSANDRO (BG) :::

Zanzara tigre

 
Zanzara tigre

Con ordinanza sindacale  n. 2/2017 vengono elencati tutti gli interventi che vanno messi in atto per la prevenzione e il controllo dell'infestazione della zanzara tigre nel territorio comunale.

 

NEI MESI PRIMAVERILI ED ESTIVI a tutti i cittadini e agli amministratori condominiali, agli asili nido, alle scuole pubbliche e private di:

  • non abbandonare oggetti e/o ontenitori che possano raccogliere acqua piovana;
  • procedere a regolare svuotamento di oggetti e contenitori situati nelle proprie aree private (giardini, cortili, terrazzi,ecc.)
  • coprire i contenitori inamovibili con reti zanzariere a maglia stretta;
  • tenere puliti i cortili, i giardini, e le aree aperte da erbacce, sterpi e rifiuti di ogni genere,provvedendo al regolare sfalcio dell’erba e delle siepi, sistemandoli inoltre in modo da
  • evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza;
  • TRATTARE CON PRODOTTI LARVICIDI* (da aprile a ottobre con cadenza ogni 15 giorni) i tombini di raccolta dell’acqua piovana presenti nelle proprie aree private (giardini,cortili, ecc).
  • TRATTARE con PRODOTTI ADULTICIDI (da maggio a ottobre con cadenza di un
  • trattamento ogni 30gg, le siepi, i cespugli delle aree verdi private di proprietà, tale attività
  • potrà essere eseguita con l’utilizzo di prodotti in libera vendita e con apparecchiature manuali di bassissimo costo).

* il principio attivo da utilizzare è preferibilmente di tipo biologico/ecologico.



ai gestori di depositi, anche temporanei, di copertoni per attività di riparazione, rigenerazione e vendita e ai detentori di copertoni in generale, di:

  • stoccare i copertoni, dopo averli svuotati di eventuali raccolte d’acqua al loro interno, al coperto o in containers dotati di coperchio o, se all’aperto, proteggerli con teli impermeabili in modo tale da evitare raccolte d’acqua sui teli stessi; a tal fine i copertoni possono essere disposti a piramide e coperti con teli impermeabili ben fissati;
  • ridurre al minimo i tempi di stoccaggio dei copertoni fuori uso, per evitare accumuli difficilmente gestibili sotto l’aspetto igienico sanitario, concordando con le imprese di smaltimento tempi brevi di prelievo;
  • provvedere, in caso di documentata impossibilità a coprire i copertoni stoccati all’aperto,ad eseguire nel periodo dal 1 maggio al 30 ottobre dei periodici trattamenti larvicidi e adulticidi (ogni 10-20 giorni) comunicando con 48 ore di anticipo al Comune, la data e l’ora dell’intervento. alle ditte che effettuano attività di rottamazione-demolizione auto :
  • -provvedere, dal 1 maggio al 30 ottobre dei periodici trattamenti adulticidi (ogni 10-20 giorni) comunicando con 48 ore di anticipo al Comune, la data e l’ora dell’intervento.

 

a tutti i conduttori di orti, di:

  • eseguire l’annaffiatura diretta, tramite pompa o con contenitore da riempire di volta in volta e da svuotare completamente dopo l’uso;
  • sistemare tutti i contenitori e altri materiali (es. teli di plastica) in modo da evitare la formazione di raccolte d’acqua in caso di pioggia;
  • chiudere appropriatamente e stabilmente con coperchi o retine antinsetto a maglie strette gli eventuali serbatoi d’acqua;

Ai soggetti pubblici e privati, responsabili o che comunque ne abbiano l’effettiva disponibilità di scarpate ferroviarie, scarpate e cigli stradali, corsi d’acqua, aree incolte e aree dismesse, di:

  • mantenere le aree libere da sterpaglie, rifiuti o altri materiali che possano favorire il formarsi di raccolta d’acqua stagnanti;

ai responsabili dei cantieri, di:

  • evitare raccolte di acqua in bidoni e altri contenitori; qualora l’attività richieda la  necessità di contenitori con acqua, questi devono essere dotati di copertura ermetica, oppure debbono essere svuotati completamente con periodicità non superiore a 5 giorni;
  • sistemare i materiali necessari all’attività e quelli di risulta in modo tale da evitare  raccolte d’acqua;
  • provvedere, in caso di sospensione dell’attività del cantiere, alla sistemazione di tutti    materiali presenti in modo da evitare raccolte di acque meteoriche;

 

le disposizioni della presente ordinanza sono impartite in applicazione del Regolamento comunale d’igiene per la tutela della salute e dell’ambiente;

 

la responsabilità delle inadempienze alla presente ordinanza è attribuita a coloro che risultano avere titolo per disporre legittimamente del sito in cui le inadempienze saranno riscontrate;

 

i trasgressori della presente ordinanza sono passibili della sanzione amministrativa pecuniaria sino ad euro 103,00 prevista dall’art. 344 del R.D. 27.7.1934, n.1265.

 

 

 


06/05/2016